Creare libri a carattere ingrandito con doppia numerazione di pagina

Perdinci che titolo. Quello che sto elucubrando è un metodo per risolvere un grosso problema che affligge chi crea libri a caratteri ingranditi, tipicamente per ipovedenti. Il problema è questo: un libro appena appena normale di solito ha dei numeri di pagina, che servono a diverse cose fra cui fornire un riferimento puntuale al contenuto presentato in quella precisa pagina. Se qualcuno avesse dei dubbi, avete presente quando la maestra dice: bimbi, per domani leggete da pagina 15 a pagina 230. Ecco, se il testo è stato ingrandito è ovvio che occupa maggiore spazio e scorre, e il contenuto della pagina 15 non corrisponderà certamente a quello della pagina 15 del libro originale.

Ora, chi si occupa di realizzare queste versioni ingrandite procede ad apporre manualmente alle pagine due numerazioni, quella di riferimento originale e quella della versione ingrandita, in modo da poter gestire al meglio la situazione. Insomma, un bel casino.

Nei programmi di impaginazione o nei word processor, inserire la numerazione di pagina è una procedura molto semplice. Ma come fare se lo stesso testo da corpo 12 lo porto a corpo 24? Nella gabbia di una delle pagine originali ci sta la metà del contenuto, ovviamente, e il conto della maestra mai più che funzionerà.

Ho provato diversi metodi per riuscire a sbrogliare la matassa, e mi sembra di averne individuato uno abbordabile e sicuramente più efficace del rinumerare manualmente tutte le pagine ingrandite. È un lavoro in progress, quindi con tutte le riserve del caso, ma mi pare funzionare.

Innanzitutto, bisogna recuperare una copia di WebbIE, un browser per non vedenti che a me pare molto migliore di quelli per vedenti, ma transeat. Mi spiego meglio: una pagina Web vista in WebbIE è davvero scarna, direi che resta l’essenziale giustamente. Serve a chi usa uno screen reader, che della grafica si fa poco o nulla. Ma WebbIE riserva delle grosse sorprese: oltre a leggere le pagine Web, interpreta anche i PDF.

Ho fatto una prova con un PDF cosidetto da stampa, un normale PDF come li si ottiene facendo File > Stampa, nessuna altra elaborazione. Ho usato un capitolo dell’ultimo libro dello Scanibus, che so che non si incazza.

Aperto WebbIE, File > Apri > un PDF. Quello che si ottiene è visibile nella figura successiva: né più né meno come fa coi siti, WebbIE ha estratto il testo. Con una utilissima aggiunta: notate quel Pagina 258 evidenziato?

in Webbie il pdf viene reso solo testo, con una interessante aggiunta automatica: il numero di pagina

Quel numero di pagina è molto utile: basta esportare il testo in txt da WebbIE, dare una ripassata al txt (la cui qualità dipenderà in modo direttamente proporzionale a quella del PDF, qualche colpo di Invio e Canc, ed ecco un file pronto ad essere reimportato nella gabbia del libro originale, o in una che ne simula le dimensioni.

Applico gli stili al txt, dopo aver ovviamente creato degli stili adatti di grande dimensione, inserisco i numeri di pagina normali ed ecco che ho la numerazione delle pagine ingrandite. Sì bravo, e i riferimenti alle pagine originali?

Semplice: tutti i programmi di impaginazione e i word processor prevedono fra i vari attributi di stile anche l’interruzione di pagina (per esempio, in Word Formato > Paragrafo > Scheda Distribuzione testo, selezionare Anteponi interruzione. Ovviamente la stessa cosa c’è in XPress, Indesign, Framemaker, ecc ecc).

Ora, se creo uno stile numero_pagina, applico questo stile alla selezione prima evidenziata (il numero di pagina creato in automatico da WebbIE) ecco che come per magia indipendentemente dalla dimensione del carattere avrò una pagina 15 che occupa che ne so, tre pagine “di carta”. Quando arriva lo stile numero_pagina successivo il testo passa a una pagina nuova, e così via. Praticamente avrò due numerazioni: quella normale del libro ingrandito, e quella dell’originale.

Aspetto commenti, sperando che almeno si capisca quello che ho scritto.

Annunci

7 pensieri su “Creare libri a carattere ingrandito con doppia numerazione di pagina

  1. Interessato, leggo a distanza di anni…..
    Sei poi riuscito a raggiungere una soluzione stabile? Sarebbe interessante applicarla anche ad altri scopi!
    Fammi sapere.

  2. Ciao Federico, già, era qualche anno fa :). Non ho ulteriormente approfondito, perché alla fin fine quel sistema funzionava. Non avendo da realizzare libri di quel tipo, è venuto un po’ a mancare lo stimolo.

  3. Ciao Livio, non è che mi manderesti un file tipo che hai creato?
    Secondo te con lo stesso sistema al posto della doppia numerazione potrei inserire altro?
    Ti ringrazio! F.

  4. Ciao Livio, potresti mandarmi un file tipo per capire meglio come hai fatto?
    Al posto della doppia numerazione potrei inserire altro?
    Grazie. F

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...