Second Life e i misteri del BackgroundYieldTime (ovvero, migliorare il multitasking)

Tutti i client per Second Life sono avidi di risorse. Se va bene, stando seduti in qualche posto facendo nulla porta via 350 mega di ram e 30/40% di CPU. È facile da verificare, basta dare un’occhiata a Gestione attività di Windows ((Ctrl+Maius+Esc in Win 7).

Si apre un altro programma e sboink, il sistema appare bloccato, ovviamente. È una situazione molto comune, e il problema è che anche passando ad un altra finestra l’occupazione di risorse rimane elevata. Se vi capita spesso di usare Second Life in combinazione a qualche altro programma, sapete bene di cosa sto parlando.

Imprudence sta usando il 50% della CPU per fare... niente

Però, un parametro di Debug Settings permette di migliorare questo comportamento: BackgroundYieldTime serve a determinare con che intervallo in millisecondi generare nuovi frame quando il client non è in primo piano.

Il valore di default è 40, provate a impostare BackgroundYieldTime a 500 e notate la differenza in Gestione attività: dal 55% di CPU al 10% nella stessa identica situazione non è male (ed è attivo anche lo streaming audio)! E d’altra parte, a che vi serve avere un framerate di 80 fps se non state facendo nulla in SL? Perché sì, SL si sta ciucciando anche la vostra GPU

Ovviamente la vostra CPU e gli altri programmi in esecuzione ringrazieranno sentitamente.

con il nuovo parametro la situazione migliora decisamente

Annunci

7 pensieri su “Second Life e i misteri del BackgroundYieldTime (ovvero, migliorare il multitasking)

  1. Cosa c’entra l’hardware? Ad esempio sul mio i7 2600k (CPU con 8 threads) e con 16Gb Corsair, una Sapphire HD6870 con DDR5 e disco allo solido passo da SL ad altre 10 applicazioni contemporaneamente in esecuzione con la responsività di un click. Mai vista la cpu impegnata al 40%.

    • Indipendentemente dall’hardware utilizzato, l’occupazione di CPU del client SL è elevata anche quando il focus è su un altro programma, poiché anche se la finestra non è in primo piano tenta di riprodurre la scena al massimo degli FPS possibili. Questo parametro riduce la quantità di frame riprodotti nel client quando la finestra non è in primo piano (meno fotogrammi), permettendo un più semplice multitasking anche con computer “normali”, dove con normale intendo un computer che risponda ai requisiti di sistema raccomandati da Linden.
      Che con un hardware potente l’effetto sia meno visibile, mi sembra banale e scontato, no? Però accade comunque, per questo dicevo che c’entra l’hardware.

  2. concordo con chi dà consigli per utilizzare al meglio l’hardware disponibile;
    acquistare un 8 core per avere una super Sl mi sembra uno spreco inutile.
    Tipico dei nostri tempi, dove molti usano una super auto per andare al bar vicino a casa;
    Si sa, fa sbavare gli amici.

    Grazie, Livio.
    La mia caffettiera tira un respiro; è meno spesso sopra
    il 90%.

  3. Prego Sergio. C’è anche da dire che con i client 3 la situazione è migliorata, il lavoro di ottimizzazione sul codice si vede.
    Però questo setting secondo me è di quelli comodi da conoscere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...